T​.​S​.​I​.​D​.​M​.​Z. e Gregorio Bardini - Oriente e Occidente (Limited edition of 100 copies on white vinyl 12")

by T.S.I.D.M.Z. (ThuleSehnsucht In Der MaschinenZeit)

supported by
/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €4 EUR  or more

     

1.
2.

about

N.B. "ORIENTE E OCCIDENTE" IS A ONLY A VINYL RELEASE, BUT THESE TWO EXTRACTS ARE UPLOADED WITH AN EXCLUSIVE MASTERING FOR CD AVAILABLE ONLY HERE.

T.S.I.D.M.Z. (ThuleSehnsucht In Der MaschinenZeit) e Gregorio Bardini - Oriente e Occidente

Limited edition of 100 copies on white vinyl 12", by Old Europa cafe, 2015.

Make your order @ www.oldeuropacafe.com
oec@oldeuropacafe.com or robot.sm@libero.it

Each copy comes with a cover design pin.

Tibetan bells, Eastern and Western Gregorian chants, Mongolian throat singing, Pakistan flutes, bagpipes, Tunisian Mizwab, Sufi dhikr, martial drums, ethnic and tribal drums, speeches of personalities like E. Pound, P. P. Pasolini, Imam Khomeyni; majestic scenarios representing, in a whole ethnic-industrial musical opera, a picture of the various identities, peoples and traditions living on the great geographic space called Eurasia.

Mixed at Tetsuo studio.

Final Mastering by Peter Andersson (Raison D' Être).

Graphics and layout by Emily NewResistance.

Tracklist:
A1. Canto per i morti
A2. Die Sklavenmoral und die Herrenmoral
A3. Gestige Revolution gegen die Macht des Goldes
A4. Non fu l'uomo a creare il coraggio, o l'ordine, o la grazia

B1. Cicli Cosmici
B2. Tamerlano
B3. Esoteriemo Islamico
B4. Lusso e Capitalismo

TRAILER: www.youtube.com/watch?v=aAfa7ALO7sM

credits

released June 1, 2015

tags

license

all rights reserved
Track Name: A4. T.S.I.D.M.Z. e GREGORIO BARDINI - Non fu l’uomo a creare il coraggio, o l’ordine, o la grazia
Voices by Ezra Pound and Pier Paolo Pasolini (taken from P.P. Pasolini reads E. Pound: "Canti Pisani, Canto LXXXI").

E. Pound: "Tardi molto tardi ti ho conosciuto, la tristezza".

P:P. Pasolini: "(...) Quello che veramente ami non ti sarà strappato
Quello che veramente ami è la tua vera eredità
Il mondo a chi appartiene, a me, a loro, o a nessuno?
Prima venne il visibile, quindi il palpabile Elisio, sebbene fosse nelle dimore d'inferno,
Quello che veramente ami è la tua vera eredità
Strappa da te la vanità, non fu l'uomo
che creò il coraggio, o l'ordine, o la grazia, Strappa da te la vanità, ti dico strappala
Cerca nel verde mondo quale luogo possa essere il tuo
Nel raggiungere l'invenzione, o nella vera abilità dell'artefice.
Strappa da te la vanità, Paquin strappala!
Il casco verde ha vinto la tua eleganza.

«Dòminati, e gli altri ti sopporteranno» Strappa da te la vanità
Sei un cane bastonato sotto la grandine,
Una pica rigonfia in uno spasimo di sole,
Metà nero metà bianco
Né distingui un'ala da una coda
Strappa da te la vanità Come son meschini i tuoi rancori
Nutriti di falsità. Strappa da te la vanità,
Avido di distruggere, avaro di carità,
Strappa da te la vanità, Ti dico, strappala.

Ma avere fatto in luogo di non avere fatto questa non è vanità

Avere, con discrezione, bussato
Perché un Blunt aprisse Aver raccolto dal vento una tradizione viva
o da un bell'occhio antico la fiamma inviolata
Questa non è vanità. Qui l'errore è in ciò che non si è fatto,
nella diffidenza che fece esitare (...)".